MondoMotori STUDIO25

HOME

SCRIVI

MAPPA

PUBBLICITÀ

WineReport
WrCLUB
 
 
WinenewsVino & Co.TravelFoodShoppingCuriositàWrClub
della settimana

VINO DELLA SETTIMANA

NEWS DELLA SETTIMANA

del mese

STRADE DEL VINO

L'OPINIONE

L'INTERVISTA

VINI ALL'INDICE

OBIETTIVO DOC

DICONO DI LUI

RITRATTI AZIENDALI

LA DEGUSTAZIONE

NOVITA' IN CANTINA

VINI DAL MONDO

LE TEMPS RETROUVE'

L'EVENTO

I LOCALI DEL VINO

LIBRI

COMUNICATI STAMPA



VINI DAL MONDO del 05/04/2005

Il vino in Giappone


COMMENTA LA NOTIZIA
SUL FORUM

Sono particolarmente lieto di pubblicare questa riflessione sul vino in Giappone di Paolo Caridi, un appassionato che vive nel Paese del Sol Levante dal 2002 dove lavora per la Commissione Europea, come responsabile delle questioni commerciali in materia agricola. Caridi, ha lavorato in Francia, in Lussemburgo ed in Belgio, dove si è occupato molto attivamente di vino in due associazioni chiamate "Cercle des amateurs du vin des communautées européennes" che raggruppano un paio di centinaia di eurocrati appassionati di vino.
f.z.

Il Giappone, come la maggior parte dei paesi asiatici, con l’eccezione della Cina dove il vino era ampiamente consumato anche alla corte imperiale, non ha una tradizione di produzione, e neppure di consumo di vino.

La bevanda alcolica nazionale é il saké, più propriamente detto nihonshu (alcool giapponese) ottenuto dalla fermentazione del riso e non, come spesso si pensa, dalla sua distillazione. Il saké é una bevanda che ha molto in comune col vino nel senso che la qualità del prodotto finito deriva sia dalla qualità della materia prima (funzione della varietà di riso, del clima e del “terroir”) che dalle procedure di produzione. Un altra caratteristica comune alle due bevande é che sia il vino che il sake sono utilizzati nelle cerimonie religiose, cristiane e shintoiste rispettivamente, e sono quindi in una certa misura bevande “sacre”

Chiusa questa parentesi sul saké, bevanda che comunque meriterebbe più attenzione in occidente, passiamo alla storia del vino nel paese del sol levante.
Fino ai tempi della restaurazione Meiji (1868) quando il Giappone si aprì al mondo esterno dopo secoli di isolamento, il vino era semplicemente sconosciuto nell arcipelago nipponico.

A partire da quella data, gli stranieri che giungevano in Giappone cominciarono a portare con lore delle bevande alcoliche “esotiche”. Tra queste la birra é quella che sembra meglio corrispondere al gusto locale e rapidamente furono create le prime birrerie. Attualmente la birra è, di gran lunga, la bevanda alcolica più bevuta in Giappone con circa 50 litri pro capite/anno e quasi 70% del totale dei consumi. Il vino ebbe decisamente minor successo e si puo dire che fino all’indomani della seconda guerra mondiale il suo consumo fosse inesistente.

Il consumo di vino cominciò negli anni del grande sviluppo economico del Giappone, contemporaneamete alla diffusione delle cucina europea, soprattutto francese, negli anni settanta ma rappresentava allora una minuscola nicchia di mercato coperta esenzialmente dai grandi Bordeaux, dallo Champagne e dai bianchi tedeschi, essenzialmente dolci.
Negli anni ottanta, e soprattuto novanta il consumo di vino cominciò a diventare piu popolare in Giappone , ma non divenne mai qualcosa di quotidiano. Il vino rimane un prodotto di nicchia (3% delle bevande alcoliche), con una forte connotazione « esotica » e decisamene legato ad un immagine di cultura, di moda e di lusso europee.

Nel 1998, in seguito alla « scoperta » delle proprieità salutari dei polifenoli, in Giappone ci fu un vero e proprio boom del mercato dei vini rossi (il cui consumo raddoppiò in un anno), che si sgonfiò assai rapidamente lasciando uno strascico di stock invenduti e di prezzi in calo. Negli anni duemila il consumo é rimasto sostanzialmente costante in termini di quantità (circa due litri pro capite/anno), ma l’offerta si é diversificata con l’arrivo dei vini del nuovo mondo e spagnoli ed i prezzi si sono stabilizzati.

Una particolarità “sociologica” del mercato giapponese che merita di essere sottolineata é che i maggiori consumatori non sono affatto gli uomini maturi (che bevono birra e sake) ma piuttosto le giovani generazioni e le donne per i quali il consumo di vino costituisce un elemeno di stile di vita moderno, in contrapposizione alle bevande giapponesi ed alla birra che rappresentano la tradizione. Per questa ragione, ed anche perché i giapponesi mangiano fuori casa più che in ogni altro paese al mondo, il settore dei bar e ristoranti rappresenta uno sbocco cruciale per il vino (circa 40% delle vendite).

Ma come si inserisce il vino italiano in questo contesto ? A prima vista le cose sembrano abbastanza rosee, visto che il vino italiano é il secondo più consumato (18% di quota di mercato) in un mercato tradizionalmente dominato dai francesi (47%). Purtroppo, se si guardano un po più da vicino le cifre e le tendenze recenti, emergono diversi elementi preoccupanti.
Innanzitutto le cifre: negli ultimi quattro anni il consumo di vino italiano è diminutito anno dopo anno passando da 38 milioni di bottiglie nel 2001 a 30 milioni nel 2004, mentre la quota di mercato è scesa dal 22 al 17%. Inoltre, a un livello più soggettivo, ho la netta impressione che la moda del vino italiano abbia aggiuno il suo apice e sia in fase discendente. Le ragioni princpali di questo declino mi sembrano essere due: 1) la stategia di distibuzione; 2) il rapporto qualità prezzo.

1) Riguardo alla distribuzione, come abbiamo visto i ristoranti e i bar vendono una percentuale elevata del vino consumato in Giappone, ma il vino italiano dipende in misura ancora maggiore da questo canale di distrbuzione con più del 50% del totale delle vendite in volume e probabilmente intorno al 70% in valore. Questa situazione si è venuta a creare perché, a partire dagli anni 90, è esplosa una vera e propria moda dei ristoranti italiani. Attualmente pare che, nella sola Tokyo ci siano duemila ritoranti italiani (più o meno veraci) il che naturalmente continua a tirare fortemente la domanda di vini di tutte le gamme, dal vino “della casa” delle pizzerie ai Baroli e Brunelli dei locali di lusso. Ma se la ristorazione è stata certamente un fattore trainante per la conoscenza e la diffussione del vino italiano, quando la moda dei ristoranti italiani comincerà ad attenuarsi, (e forse ha già iniziato) il consumo ne risentirà moltissimo, tantopiù che il vino italiano stenta a conquistare i locali di cucina giapponese e cinese dove il (poco) vino consumato è francese.

2) Sul rapporto qualità prezzo, non mi pare che la situazione giapponese sia diversa rispetto ad altri mercati. In poche parole, se fino a qualche anno fa era possibile comprare senza rovinarsi del vino italiano di qualità, con un carattere ad un identità ben definiti, ora i prezzi sembrano non avere più alcuna relazione con la legge della domanda e dell’offerta. La cosa più sorprendente è che in un mercato mondiale in crisi, i prezzi dei vini italiani (al dettaglio) non siano praticamente diminuiti, anzi…

Al contrario, i prezzi dei vini francesi (premiers crùs classés di Bordeaux a parte, comunque venduti allo steso prezzo di un noto Langhe Nebbiolo) sono scesi in maniera sensibile per restare competitivi con i vini del nuovo mondo. E se é vero che i Giapponesi sono disposti a spendere molto (troppo?) per una buona bottigia di vino, non comprano più qualunque bottiglia purché sia cara e incensata dalle guide. Ed allora come stupirsi se una parte dei consumatori giapponesi, a prezzo uguale, preferisce consumare dei vini, soprattutto francesi, che hanno una storia ed una tradizione alle spalle piuttosto che degli IGT dell’ultima ora o dei DOCG che non hanno nessuna tipicità e che in più sono in diretta competizione con i merlot, cabernet etc. del nuovo mondo, assai più economici ed affidabili?





Auto usate