MondoMotori MondoMotori

HOME

SCRIVI

MAPPA

PUBBLICITÀ

WineReport
WrCLUB
 
 
WinenewsVino & Co.TravelFoodShoppingCuriositàWrClub
della settimana

VINO DELLA SETTIMANA

NEWS DELLA SETTIMANA

del mese

STRADE DEL VINO

L'OPINIONE

L'INTERVISTA

VINI ALL'INDICE

OBIETTIVO DOC

DICONO DI LUI

RITRATTI AZIENDALI

LA DEGUSTAZIONE

NOVITA' IN CANTINA

VINI DAL MONDO

LE TEMPS RETROUVE'

L'EVENTO

I LOCALI DEL VINO

LIBRI

COMUNICATI STAMPA



NOVITÀ IN CANTINA del 10/12/2003

Barco Reale Tenuta Le Farnete


COMMENTA LA NOTIZIA
SUL FORUM

I produttori di Carmignano hanno tutti, da qualche parte della loro cantina (se non a casa) la riproduzione del Bando del 24 settembre 1716 che si intitola: “Bando sopra la dichiarazione dei confini della quattro regioni Chianti, Pomino, Carmignano e Vald’Arno di Sopra”. Con esso il Granduca Cosimo III de’ Medici stabiliva precise e severe norme per la vendemmia e deliminava la zona di produzione. Insomma, anticipava di un secolo le AOC francesi e veniva idealmente seguito dal decreto di istituzione della DOCG Carmignano del 1990.

Oggi, i produttori di questa zona della provincia di Prato sono una piccola pattuglia (una ventina iscritti al Consorzio di tutela) ma sono decisi a recuperare il tempo perduto, sfruttando anche un uso del cabernet sauvignon che qui ha antiche motivazioni storiche, ossia i contatti dei Medici con la Francia.

Fra i produttori più dinamici del territorio ci sono i giovani fratelli Pierazzuoli (www.enricopierazzuoli.it), con la loro azienda Le Farnete, che affianca le tenute in Chianti Classico (Matroneo) e nel Chianti Montalbano (Tenuta Cantagallo). Si vede ad occhio l’impegno che mettono nel seguire i loro vini, improntati su dei tratti di modernità che qualche volta li fanno andare un po’ sopra le righe nell’uso dei legni, ma che hanno sempre una sostanza indubitabile (il motto aziendale è: “una bottiglia per ogni ceppo”) e sono pienamente allineati con la ricerca della qualità che la vitivinicoltura di oggi esige.

Produttori fino ad ora di Carmignano DOCG ed il Carmignano DOCG Riserva, hanno deciso di completare la loro linea con il Barco Reale DOC. Il “Barco Reale” era una delle più importanti riserve naturali volute dai Medici nel 1626 e fu presa a riferimento per segnare i confini della produzione di Carmignano. Nella denominazione odierna, corrisponde al prodotto meno impegnativo del territorio ed ha stessa composizione del vino maggiore: Sangiovese per almeno il 50%, Cabernet sauvignon e franc al massimo per il 20% e singolarmente per il 10%, più altre uve autorizzate.

Il Barco Reale DOC 2001 della Tenuta le Farnete è dunque un modo per completare una linea produttiva dell’azienda con il vino di più agile consumo, (esce a 7 euro circa) rimanendo sotto l’ala della denominazione d’origine. Di colore rubino violaceo fitto, mostra una freschezza di profumi che spaziano dalla viola alla frutta rossa fresca, con qualche leggera marcatura vegetale. Al palato sorprende per spessore e solidità, con un finale segnato da quel tocco di vaniglia conseguenza dei sei mesi passati in legno piccolo.





Auto usate